Paolo Cossi
1432, il veneziano che scoprì il baccalà



Pietro Querini, gentiluomo e mercante veneziano, nel 1431 partì da Candia alla volta delle Fiandre sulla nave Gemma Quirina, carica di vino e spezie, con un equipaggio di sessantotto marinai.
Ma la Gemma Quirina non giunse mai a destinazione. Dopo una deriva nell’Oceano Atlantico in pieno inverno, Pietro Querini e altri dieci superstiti, furono accolti sull’isola dell’arcipelago norvegese Røst, a nord del circolo polare artico. Fu qui che Pietro Querini scoprì l’«oro bianco» ovvero il baccalà, che, dopo un difficile e lungo viaggio di ritorno, comincerà a far conoscere ai veneziani.
La sua scoperta influenzerà molto non solo gli usi e i costumi ma persino il modo di navigare di tutta un'epoca.

Il romanzo a fumetti di Paolo Cossi, permette di rivivere questo «capitolo minore» della storia dei viaggi e delle esplorazioni.
Arricchiscono il volume una prefazione del conte Paolo Francis Quirini di Santa Giustina – Patrizio Veneto, Cavaliere ereditario di San Marco e di Stola d’oro, discendente diretto di Pietro Querini –, alcune ricette per cucinare il baccalà e una cartina storica.


Pagine
128, b/n

Formato
17 x 24 cm

Finitura
brossura, rilegato a filo, copertina a colori con alette

Prezzo
12,50 €

ISBN
978-88-7502-097-2

Uscita
ottobre 2008


  • l’autore