Milano, Musei di Porta Romana – 12 aprile-28 maggio 2000
Quarant’anni portati bene!


In occasione del suo quarantesimo compleanno, Asterix, insieme a Obelix e tutta l'allegra compagnia dei galli, si è trasferita ai Musei di Porta Romana di Milano dal 12 aprile al 28 maggio 2000.
Una mostra interamente dedicata al gallo più simpatico della storia dei fumetti con ricostruzioni di ambienti, tavole, fotografie, pannelli illustrativi e un'infinità di chicche per i fan più scatenati.

Sono passati quarant'anni da quel lontano 29 ottobre 1959 in cui dalle pagine del primo numero della rivista francese per ragazzi "Pilote" sbucò il piccolo gallo chiamato Asterix. Da allora si sono susseguite diverse avventure, disegnate da Albert Uderzo e sceneggiate da Renè Goscinny, eppure il piccolo eroe baffuto non sembra mostrare segni di stanchezza. Con i suoi 300 milioni di albi venduti, le sue oltre 57 traduzioni in lingue diverse, senza contare quelle in latino, in greco antico e in esperanto, oggi Asterix risulta essere uno dei fumetti più amati dai fan delle nuvole parlanti. Non a caso lo scorso gennaio la più importante istituzione europea del fumetto d'autore, il Festival International di Angoulême, ha premiato Albert Uderzo come l'artista più rappresentativo della cultura popolare europea. Con la creazione del "gallo più amato della storia", infatti, Uderzo ha attraversato gli ultimi 40 anni riproponendo con divertito umorismo e acre sarcasmo l'eterna rivalità delle due anime d'Europa. La mostra "Asterix - La ricetta della pozione magica ", offre per la prima volta al pubblico italiano un viaggio nel rutilante mondo del celebre personaggio, all'interno di una ricostruzione precisa del fortino gallo in cui il fiero Asterix, il gigantesco Obelix, il druido Panoramix e gli altri personaggi vivono le loro avventure.
Un'ampia e divertente sezione con fotografie ed immagini inedite è dedicata al recente film Asterix e Obelix contro Cesare con Gerard Depardieu e Roberto Benigni, di imminente uscita per il mercato home video.
Oltre alle pagine più belle e divertenti delle sue avventure, la mostra mette in evidenza le simpatiche e continue contaminazioni che le avventure del piccolo gallo hanno subito con i vari media: dal cinema (memorabile l'incontro di Asterix con Kirk Douglas) alla musica (Beatles), dallo spazio (satellite Asterix 1965) all'onore della copertina di riviste come l' "Express " (settembre 1966), fino a diventare testimonial televisivo. Nel corso della sua brillante carriera, il simpatico personaggio di Uderzo e Goscinny è diventato a tutti gli effetti un "personaggio pubblico" che ha attraversato e segnato con intelligenza e ineguagliabile ironia la storia recente, non solo della Francia, ma di tutta Europa.
La mostra è promossa da l'Assessorato alla Cultura della Regione Lombardia, l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano e l'Assessorato allo Sport e Giovani del Comune di Milano ed è realizzata da Arteutopia e Hazard Edizioni, in coproduzione con il Festival International de la Bande Dessinèe di Angoulême e in collaborazione con il Centre Culturel Français de Milan.

LA MOSTRA

Gigantografie, sagome, fotografie, tavole originali, oggetti da collezione, memorabilia, copertine di albi, film, cartoni animati, videogiochi e documentari inediti creano il percorso della mostra dedicata ad Asterix e ai suoi creatori.

La sezione principale della mostra, dedicata al divertente mondo di Asterix, porta il visitatore direttamente in una simpatica ricostruzione del mitico villaggio gallo. Qui, nel 50 a.C., un piccolo manipolo di guerrieri resistettero eroicamente all'invasione dei romani grazie ad un prodigioso segreto!
Tra le palizzate di legno che proteggono le piccole capanne del villaggio, si possono incontrare e conoscere, attraverso schede "biografiche", approfondimenti, pupazzi e sagome, tutti i personaggi che hanno dato vita alla saga del fiero Asterix: dal gigantesco Obelix al capo villaggio Abraracourcix, dal decano Agecanonix al fabbro Cetautomatix, dal segaligno Cesare alla bella Falbala, senza ovviamente dimenticare il saggio druido Panoramix, detentore del segreto della pozione magica che dona forza sovrumana.
Sempre all'interno del villaggio gallo sono state allestite sezioni che illustrano, con tavole originali e riproduzioni, gli incontri più significativi di Asterix con personaggi del cinema, della storia e della politica. Per il cinema si possono ricordare, ad esempio, quelli con Kirk Douglas-Spartacus (1996), Sean Connery (1981), Stanlio e Ollio (1976) e Charles Laughton (1961), Bernard Blier (1991) e Federico Fellini (1985). Per quanto riguarda la letteratura non si può poi dimenticare di aver visto Asterix comparire nei Commentari di Cesare (ovviamente riveduti e corretti) o di averlo visto ispirarsi a Victor Hugo. In mostra anche le mitiche tavole dei Giochi Olimpici (1968) e degli incontri con i Beatles (1963), Charles De Gaulle (1969) e Jacques Chirac (1995).

Una seconda sezione è stata dedicata ai due autori: Albert Uderzo (1927) e René Goscinny (1926-1977). Vengono riproposti tutti i personaggi creati nel coso di una strepitosa carriera durata quasi cinquant'anni: Arys Buck (1946), Prince Rollin (1947), Luc Junior (1955), Flamberge (1945), Oumpah-Pah (1951) e tanti altri.
Ma è la nascita, nell'ottobre del 1959, della rivista «Pilote», fondata da Albert Uderzo, René Goscinny e Jean Michel Charlier (1924-1989), a lanciare il personaggio di Asterix. Proprio a questa storica testata è stato dedicato uno spazio particolare in cui ammirare le copertine e le strisce più divertenti dei primi numeri. Non bisogna infatti dimenticare che proprio su "Pilote" disegnarono autori importanti della storia del fumetto quali Bilal, Druillet, Manara, Pratt, Sempé e altri.

Nella sala cinema è stato proiettato un documentario con interviste ad Albert Uderzo, seguito dai back-stages del film Asterix e Obelix contro Cesare, e da un montaggio con le scene più divertenti tratte dai cartoni animati Asterix conquista l'America, Asterix e la grande guerra, Asterix e le dodici fatiche, Asterix e Cleopatra, Asterix e la pozione magica, Asterix e la sorpresa di Cesare e Asterix il gallico.

A completamento della mostra sono state organizzate visite guidate e "conferenze illustrate" (a cura di Franco De Falco). Si approfondiranno i contenuti culturali e sociologici, le caratterizzazioni, le morali, i messaggi educativi e l'ambientazione storica in cui si svolgono le avventure del gallo più simpatico della storia!

Omaggio a Uderzo & Goscinny