Nel novantesimo anniversario della nascita di Osamu Tezuka alcuni suoi importanti story-manga finora inediti in Italia sono venuti ad aggiungersi alla già ampia collezione di opere del “dio dei manga” finora pubblicate da Hazard Edizioni.
Nel corso dell’ultimo anno si sono susseguiti


Ikki mandala
due volumi


Alabaster
due volumi


Io sono
Sasuke Sarutobi!
un volume

Altre opere del grande maestro giapponese saranno pubblicate nel corso del prossimo anno.

A questo importante sforzo si aggiunge, come novità della collana contemporanea, presentata a Lucca Comix 2017, il primo volume de

La musa dimenticata
La storia di Hoffmann

Una storia originale
sceneggiata da
Emilia Cinzia Perri
e disegnata da
Deda Daniels
che omaggia
Osamu Tezuka
mettendo in scena
i suoi personaggi
e dando loro un nuovo soffio di vita in una diversa veste grafica.

Non è un segreto che il “dio dei manga” nelle sue opere utilizzasse come “attori” i personaggi di un suo personale “cast”, ritagliando di volta in volta per essi delle parti su misura.
Le autrici mettono Ochanomizu dal grande naso nel ruolo di mentore del protagonista Markus Hoffmann, quest’ultimo è un po’ Atom e un po’ Kenichi, Acetylene Lamp indossa i panni di un avido commerciante mentre l’antagonista per antonomasia, Rock, interpreta il ruolo del suo affascinante quanto enigmatico figlio, una piccola Melmo diventa l’amica sbarazzina del protagonista, Adolf Kamil si trasforma nell’amico fidato e Ham Egg in un notaio ligio al suo dovere, mentre a Shunsaku Ban tocca la parte di Otto von Bismarck in persona…
Attraverso questo gioco, che fa tesoro di una conoscenza profonda dell’universo e dell’opera del grande maestro, prende forma un romanzo originale, ambientato nel secondo Ottocento fra Lubecca e Amburgo.

Riuscirà il giovane Markus, insofferente alle regole, a trovare la sua strada nella disciplinata Germania dell’epoca bismarckiana?
Lo sapremo nel secondo volume…